Tutela della fauna selvatica: il vademecum di Acv Grezzana

Tutela della fauna selvatica il vademecum di Acv Grezzana

L’Associazione cacciatori veneti, sezione di Grezzana, ha stilato un sintetico documento contenente una serie di consigli utili per gli agricoltori – ma non solo – a tutela della fauna selvatica e per la sua salvaguardia.

La tutela della fauna selvatica sta a cuore ai cacciatori. E tra le tante iniziative messe in atto dal mondo venatorio per contribuire a questo scopo, segnaliamo il breve compendio stilato dall’Acv di Grezzana.

Nico Viviani, presidente dell’Acv sezione di Grezzana, ha fortemente voluto mettere a disposizione di tutti questo contributo redatto, con il supporto del tecnico faunistico Ivano Confortini, da cacciatori per i cacciatori. Ma soprattutto rivolto agli agricoltori e utile anche per tutti coloro che hanno a cuore la tutela degli animali selvatici che vivono nei nostri territori.

Giugno, un momento delicato dal punto di vista biologico

Con il sopraggiungere di giugno si avvicina il momento dello sfalcio dei fieni e delle erbe in quasi tutte le campagne. E questo, oltre che un periodo fondamentale per l’agricoltura in generale, è anche un momento molto delicato dal punto di vista biologico per molte specie di fauna selvatica. Siamo, infatti, “nel vivo” del periodo riproduttivo per molte di esse.

Oltre che per tutte le specie di avifauna che in questo periodo nidificano nel nostro Paese, si tratta anche del momento in cui sono presenti, nella maggior parte degli appezzamenti coltivati, sia i piccoli di capriolo, sia le prime covate di fagiano e starna.

Specialmente per quest’ultime la situazione è quanto mai delicata e le attenzioni che l’uomo in ambito agricolo gli può riservare divengono fondamentali per la salvaguardia della specie.

Alcune raccomandazioni

Nel documento vengono, dunque, esplicitate alcune accortezze, al fine di limitare al minimo i danni che l’uomo può arrecare alla fauna selvatica.

L’appello è rivolto principalmente agli agricoltori, ma in generale a tutti quelli che, in svariati modi, si trovano a vivere parte del loro tempo a contatto con la natura. Sono tante, infatti, le occasioni in cui, con attenzioni anche minime, si può apportare un contributo molto importante per salvaguardare gli animali selvatici.

Lavorare in sinergia

I cacciatori dell’Acv sezione di Grezzana rimarcano, infine, la necessità di sviluppare e rafforzare sempre più una reciproca sensibilità tra cacciatori e agricoltori. Questo perché sia riconosciuta l’importanza dell’impresa agricola e la centralità del reddito per chi vive di agricoltura. Ma anche per riaffermare l’importanza del ruolo svolto dalla caccia e dai cacciatori per la salvaguardia e la conservazione del patrimonio faunistico.
Chi volesse consultare il documento, disponibile in formato .pdf, può scaricarlo direttamente cliccando qui.