Leupold VXR 4-12×50, cannocchiale di puntamento

Leupold VXR

Rinunciare agli optional per esaltare le qualità ottiche di un cannocchiale di puntamento: questo è lo spirito che anima la serie VXR di Leupold. Per ottenere strumenti di qualità, con pochissime limitazioni.

Non è mai calcolo banale quello di dare un valore alle cose. A parità di funzione, ci sono infatti aspetti tecnici che incidono sul prezzo e aspetti che interessano la percezione di come quel prezzo corrisponda a un valore soggettivo.

È il classico caso degli autoveicoli. Tutti devono assolvere alla funzione di base della locomozione. Se, poi, alla locomozione si provvede con un’utilitaria o una sportiva super lusso dipende dalle necessità accessorie dell’utente e dalla sua capacità di spesa. Questo ragionamento risulta quanto mai centrato quando si tratti di analizzare il comparto delle ottiche dove, a parità di caratteristiche (fattore d’ingrandimento e diametro dell’obiettivo), l’offerta può spaziare in un range a fattore 10. Dai 3.000 euro delle ottiche premium ai 300 delle cinesi d’importazione fortunosa. Posto che queste ultime non sono oggetto dei nostri test per le limitazioni oggettive che le contraddistinguono, il range si restringe ma non di troppo.

Al momento dell’acquisto è fondamentale oltre che salutare porsi un budget di spesa. Ed è da questo punto in poi che l’analisi si fa intrigante. Prendiamo ad esempio un budget intermedio e rispettabilissimo di 1.000 euro. Teoricamente, per una cifra del genere, si possono acquistare ottiche fornite di numerose funzioni accessorie.

Torrette balistiche, regolazione della parallasse, copri-lenti magnetici, ampia scelta di reticoli. Ma non è così scontato che, al crescere degli optional, la qualità delle lenti sia adeguata alle necessità del cacciatore. Diventa così essenziale stabilire. all’interno del proprio budget, qualunque esso sia. quali siano le caratteristiche irrinunciabili, quali quelle opzionali auspicate e quelle sacrificabili. E quest’operazione richiede un’analisi molto accurata delle esigenze personali.

Dalla teoria alla pratica

Il cannocchiale VXR di Leupold sembra fatto apposta per corroborare questo ragionamento. Proposto dall’importatore italiano a un prezzo intermedio, spicca infatti per la quasi totale assenza di caratteristiche aggiuntive che potrebbero distogliere risorse dall’aspetto fondamentale: la qualità delle lenti. Offre un’escursione zoom 3x, che non è certo particolarmente ampia, è sprovvisto di torretta della parallasse e monta torrette standard basse senza sistemi di compensazione agevolata se non i cari vecchi click da un terzo di Moa. Ogni singolo dollaro, verrebbe da dire, è speso dal produttore per approntare un tubo resistente e ben rifinito e per realizzare delle lenti di qualità, prive di aberrazioni, luminose e cromaticamente neutre così da ottimizzare il contrasto in condizioni di luminosità scarsa.

Il VXR ci insegna come sia possibile rinunciare a qualcosa, consapevolmente, quando si abbiano le idee ben chiare su quali siano le proprie esigenze.

Un cacciatore d’Appennino che sappia che non deve effettuare tiri particolarmente lunghi o corti ma, magari, si trovi a sparare in condizioni d’illuminazione critiche si avvantaggerà certamente di un’impostazione ottica di pregio, che verrebbe messa in discussione se i costi di produzione dovessero essere spalmati su altre caratteristiche da prodotti premium. Il VXR che abbiamo provato offre quindi quanto serve, quanto è indispensabile, lasciando all’utente la scelta di abbinare altre caratteristiche (reticoli, parallasse regolabile, torrette balistiche ed eventualmente incisioni personalizzate) in fase di ordine tramite un’apposita sezione del sito del produttore, opzione preclusa a chi acquisti in Italia a meno di lunghe attese.

In definitiva, chi desideri ottiche più complete potrà optare per altri prodotti dell’ampio catalogo Leupold, che ha un’offerta estremamente ampia: oltre 200 codici solo nel settore delle ottiche di puntamento.

I tratti salienti

Il VXR in esame è l’allestimento 4-12×50 al quale si accompagnano, nella gamma, il modello di pari escursione focale con obiettivo da 40 mm e i modelli 2-9×40, 2-7×33, 1,25-4×20, 3-9×40 e 1,5-5×33 che coprono praticamente tutte le necessità standard con un range di escursione pari a 3x. Lo chassis è in alluminio 6061-T6, sigillato e riempito di argon. Il reticolo è il tipo Duplex (o tipo 4) con punto rosso FireDot illuminato, posto sul secondo piano focale; gli americani utilizzano il termine rear reticle, posteriore, che è forse più intuitivo che non la definizione italiana.

L’accensione e la regolazione dell’intensità del punto si ottengono premendo il simbolo del produttore, in gomma, posto sulla torretta sinistra. L’alimentazione è garantita da una pila a bottone, il sistema MST (Motion sensor technology) garantisce lo spegnimento quando inutilizzato. La regolazione del punto d’impatto avviene a passi di un terzo di Moa in un intervallo di 75 Moa sia in alzo sia in deriva.

La parallasse fissa è regolata su 100 yard, circa 90 metri. Per concludere, il disegno del Leupold riprende quello di tutti i modelli del produttore americano ed è indubbiamente legato esteticamente alle realizzazioni d’oltre-oceano. Meno gradevole del design europeo ma non per questo meno funzionale.

Nel corso del test, effettuato con una carabina Kimber importata dallo stesso distributore Paganini, ho apprezzato l’ottica abbinata a un allestimento d’arma particolarmente leggero. Un assetto decisamente ben pensato per le cacce di movimento. Molto belle le lenti. L’unico limite riscontrato è l’assenza della torretta per la regolazione della parallasse, un elemento che a mio parere rientra tra le caratteristiche irrinunciabili di un’ottica utilizzabile anche distanze medie.

Ma anche in questo caso siamo nel campo della soggettività.

Scheda tecnica

  • Produttore: Leupold
  • Modello: VXR
  • Ingrandimento: 4-12x
  • Diametro obiettivo: 50 mm
  • Diametro pupilla d’uscita: 11,1-4,3mm
  • Reticolo: Firedot Duplex o tipo 4
  • Campo visivo (a 100 metri): 6,7-3,5 m
  • Peso: 468 g
  • Lunghezza: 310 mm
  • Diametro tubo centrale: 30 mm
  • Prezzo: 926 euro
  • Sito produttore: www.leupold.com
  • Distributore: www.paganini.it