Pulsar Thermion 50, il visore termico in tre varianti

Pulsar Thermion 50, il visore termico in tre varianti

XP50, XQ50 e XM50 sono i tre modelli in cui si declina il nuovo visore termico di Pulsar importato in Italia da Adinolfi.

Sembra un cannocchiale da puntamento, e invece: il Pulsar Thermion 50, che Adinolfi comincia a distribuire in Italia, è un visore termico in grado di mettere a fuoco i dettagli fino a 2.300 metri anche nel buio totale. Le immagini passano su un display Amoled Hd a colori, strutturato per resistere al congelamento. Il Thermion 50 consente di utilizzare otto tavolozze, dai classici bianco caldo e nero caldo fino agli intensi rosso caldo, arcobaleno e ultramarino e a viola, rosso monocromo e seppia, adatti alle lunghe osservazioni.

Tre le varianti, XP50 XQ50 e XM50, differenti per la risoluzione del microbolometro e il fattore d’ingrandimento. XP 50 e XQ50 condividono la funzione Image Detail Boost, che rende ancora più nitidi i contorni degli oggetti identificati. Tutti e tre i modelli associano l’ingrandimento ottico allo zoom digitale 8x; la modalità Picture in Picture permette poi di aprire una finestra con una parte dell’immagine ingrandita.

Pulsar Thermion 50: personalizzabilità

Ogni modello permette di scegliere tra quattro modalità di osservazione: Forest (vegetazione sullo sfondo), Rocks (molto sole o in città), Identification (condizioni meteo avverse), User (luminosità e contrasto personalizzabili). I comandi si trovano nella parte superiore, in prossimità dell’oculare, e nella torretta sinistra.

Chi usa i Pulsar Thermion 50 può scegliere tra reticoli variabili per forma, colore e brillantezza e memorizzare fino a cinque profili di azzeramento su dieci distanze. Un’opportunità in più è offerta dai tre reticoli stadiametrici, che permettono di stimare la distanza rispetto a bersagli di dimensioni note (30, 70, 170 centimetri). La memoria interna da 16 GB può ospitare filmati e foto 1024×768 pixel; il Wi-Fi integrato consente di connettere i Thermion 50 a dispositivi mobili Android e iOS e di trasmettere direttamente su YouTube. Il software di cui sono dotati rende possibile tarare l’arma con un solo colpo. Progettato per durare a lungo, il nuovo visore termico di Pulsar si sviluppa lungo una struttura in metallo robusta e leggera, che regge il rinculo fino a 6.000 joule.

Scopri le ultime news sul mondo venatorio, i test di ottichearmi e munizioni e i contenuti di Caccia Magazine ottobre 2020, già in edicola.