Monitoraggio della migratoria, l’iniziativa va avanti

monitoraggio della migratoria: beccaccia in ambiente autunnale
© Serkan Mutan / shutterstock

Regione, Veneto Agricoltura e Federcaccia rinnovano l’iniziativa per il monitoraggio della migratoria ai passi Mesole e Ristele.

Per l’ottava stagione il monitoraggio della migratoria in Veneto si baserà sull’opera dei volontari, coordinati dalla polizia provinciale e dalle guardie venatorie Federcaccia. Resta infatti attivo il progetto sui valichi prealpini promosso dalla Regione e da Veneto Agricoltura in collaborazione con l’ufficio Avifauna di Federcaccia.

La zona coinvolta si trova tra Recoaro e Crespadoro, nel vicentino. Due volte a settimana, non a caso il martedì e il venerdì, i volontari si schiereranno dunque ai passi Mesole e Ristele, le principali vie di migrazione del Veneto, “per avvistare e registrare gli esemplari di passaggio”. Il monitoraggio si conferma infatti strumento utilissimo per confermare o ribaltare con dati freschi le valutazioni attuali su conservazione della fauna e data delle migrazioni.

Scopri le ultime news sul mondo venatorio, i test di ottichearmi e munizioni e i contenuti di Caccia Magazine ottobre 2020.