Monitoraggio del moriglione, l’iniziativa di Federcaccia

Monitoraggio del moriglione, l’iniziativa di Federcaccia
© Dennis Jacobsen / shutterstock

Federcaccia e Acma proseguono l’indagine: i cacciatori sono chiamati a contribuire al monitoraggio del moriglione.

Non c’è solo la tortora: l’Ufficio studi e ricerche faunistiche di Federcaccia prosegue il monitoraggio del moriglione avviato l’anno scorso insieme ad Acma. E come per la tortora sarà possibile partecipare all’indagine anche con le fotografie degli abbattimenti: sarà sufficiente inviare uno scatto (uno solo per esemplare, che deve essere ritratto intero con un’ala ben aperta) all’indirizzo e-mail studiericerche@fidc.it. La fotografia dovrà essere accompagnata da nome e cognome del cacciatore e data e provincia di abbattimento. Federcaccia ha registrato un video in cui spiega come scattare la fotografia.

Chi preferisce il metodo tradizionale può inviare le ali (una sola per ogni esemplare) per posta ordinaria. Federcaccia si raccomanda di mantenere le copritrici scapolari, far seccare l’ala con un po’ di sale ove siano presenti residui di carne e utilizzare una busta di carta. Insieme ai dati del cacciatore e a data e provincia di abbattimento è bene indicare anche il sesso, se determinabile. La busta va inviata a Federcaccia – Ufficio studi e ricerche faunistiche, via Salaria 298A, 00199 Roma.

Di moriglione, ormai coppia fissa con la pavoncella, si parla fitto da più di un anno: dopo le indicazioni dell’Europa e del governo alcune Regioni lo hanno tolto, o se lo sono viste togliere, dal calendario venatorio. Il monitoraggio serve proprio a raccontare lo stato reale della specie.

Scopri le ultime news sul mondo venatorio e i test di ottichearmi e munizioni su Caccia Magazine.