Kimber 84M Mountain Subalpine, il nostro test

Kimber_84M_Mountain_Subalpine

All’insegna della leggerezza. È il motto che potremmo associare all’ultima nata in casa Kimber – azienda americana generalmente associata a pistole e rivolver ma produttrice di carabine dal 1979 – che ha recentemente ampliato la propria gamma con la Kimber 84M Mountain Subalpine. Leggera, leggerissima. Senza fronzoli ma tecnologica. Apparentemente spartana ma ben rifinita. E infine capace di una precisione certificata nel Moa.

La Mountain Subalpine è disegnata all’insegna della riduzione ponderale. A partire dal calcio, in fibra di carbonio rinforzata, alla meccanica, scanalata dove è possibile. E i 2.200 grammi scarsi che spunta alla bilancia non saranno forse un record ma poco ci manca.

Superleggera

All’apparenza non differisce da altri modelli pensati per massimizzare il vantaggio di chi pratichi la caccia alla cerca, specie se in montagna. Il disegno è compatto: la canna da 22 pollici contribuisce alla compattezza del sistema, il calcio è connotato da un’astina che va a coprire la canna, scanalata e flottante, quel tanto che basta a fornire spazio di presa per la mano debole. Non ci sono orpelli, accessori, gadget se non quelli indispensabili alla funzionalità dell’arma. Manca addirittura il caricatore, che è integrato.

Kimber_84M_Mountain_Subalpine

Qualche grammo qua, qualche altro in aree non funzionali portano la Mountain a essere un vero e proprio peso piuma. Specie se camerata nell’azione 84M che, peraltro, è dedicata a un gruppo di 8 calibri che includono alcuni degli assoluti best seller di ogni mercato: dal .243 Winchester, oggi meno popolare alle nostre latitudini, al non più emergente ma ormai affermato 6,5 Creedmoor, all’inossidabile e apprezzatissimo .308 Winchester che continua a essere il più venduto nel mondo.

La Mountain è una delle sette famiglie che popolano il catalogo Kimber e si articola nelle ulteriori Hunter, Traditional, Open range, Dangerous game, Varmint e Tactical così da soddisfare ogni tipologia di cacciatori e tiratori. Un’offerta ampia sia per allestimenti sia per calibri.

Kimber 84M Mountain Subalpine: il peso di ogni azione

L’azione 84M, ispirata al modello Winchester 70 (pre ’64, come Kimber tiene a sottolineare), nasce nel 2001 e viene disegnata dal progettista Nehemia Sirkis. Il tempo di un respiro e Kimber decide di provvedere alla realizzazione di azioni dedicate ai diversi calibri camerati. La M originaria, pensata per un ampio range di calibri che spazia dal .204 Ruger al .300 Blackout, è seguita nel 2003 dalla 8400SM, più solida per resistere alle maggiori pressioni dei nuovi calibri Short Magnum. Nel 2007 nasce la 84L, di 13 più lunga dell’azione standard e idonea ad accogliere calibri che sviluppino una Oal superiore, quale ad esempio il .30-06 S. Due anni dopo viene infine presentata la 8400LM che garantisce una resistenza paragonabile alla 8400SM, pensata per i calibri più robusti quali quelli africani (non a caso è sfruttata dal .375 HH ma pure dal 7 mm RM).

Azione

Lunghezza

Diametro

Peso*

Lunghezza canna

84M

194 mm

29 mm

2.182 g

410-460-560 mm

84L

207 mm

29 mm

2.410 g

610 mm

8400SM

213 mm

34 mm

2.807 g

610 mm

8400LM

235 mm

34 mm

3.089 g

660 mm

* Nella tabella è riportato il peso minore di ciascuna configurazione

Ispirata ai grandi classici

L’azione della Kimber 84M Mountain Subalpine è contraddistinta da un otturatore a due tenoni e ispirata a due grandi classici: la serie Winchester 70 per quanto riguarda la sicura e il sistema Mauser 98 limitatamente all’estrattore. La sicura è del tipo a bandiera, a tre posizioni, ed è posta direttamente sulla coda dell’otturatore; quella intermedia consente di aprire l’otturatore stesso in condizione di percussore armato e in massima sicurezza. L’estrattore è invece del tipo lungo, a lama, in questo caso alleggerito da alcune asole per guadagnare qualche grammo; garantisce la cosiddetta alimentazione controllata (controlled round feeding). La presenza di azioni commisurate alla cartuccia (quattro quelle disponibili) fa sì che il cacciatore non debba portarsi dietro neanche un grammo in più di quanto richiesto dal calibro adottato.

Kimber_84M_Mountain_Subalpine

Notevole il sistema di scatto, diretto, registrabile per peso di sgancio (operazione effettuabile dall’utente), aggancio dei piani e collasso di retroscatto, regolazioni che invece richiedono l’intervento di personale specializzato. Il peso di fabbrica è dichiarato tra gli estremi di 3,5 e 4 libbre (1.600-1.820 grammi). L’arma in prova ha evidenziato un valore di 4,8 libbre comunque idoneo all’impiego venatorio.

Calcio e azione

L’azione è agganciata al calcio mediante un pillar bedding che garantisce la necessaria rigidità al sistema e lascia la canna libera di vibrare. Il caricatore, accessibile solo dalla finestra di espulsione, contiene quattro colpi. La canna nel calibro in esame misura 22 pollici e presenta un contorno Sporter; la camera di cartuccia è match-grade così da facilitare il raggiungimento della precisione di quel Moa garantito con la maggior parte dei caricamenti commerciali. Il diametro alla volata (coperta da una boccola che nasconde una filettatura 7/16×28 idonea all’applicazione di un freno di bocca) è pari a 14,3 millimetri che sale a 16,5 mm davanti all’astina. La canna presenta scarichi longitudinali che favoriscono la riduzione del peso. Quattro sono le righe che compiono una rotazione completa in 10 pollici. Canna e azione sono in acciaio inossidabile e presentano una gradevole finitura opaca atta a ridurre ogni possibile riflesso.

La pala del calcio della Kimber 84M Mountain Subalpineha una lop di 349 mm e presenta alla sua estremità un calciolo Pachmayr da un pollice. Tutta la calciatura è ricoperta da una finitura Gore con pattern geometrico Optifade Subalpine pensato appositamente per i cervidi insidiati in aree subalpine, quindi al di sotto del limite del bosco e connotate da una buona copertura vegetale. Il gioco di chiari e di scuri ipotizza che il selvatico oggetto della caccia non percepisca il cacciatore come un predatore a distanze superiori alle 50 iarde (circa 45 metri). Chi preveda di cacciare in alta montagna potrà optare per l’allestimento Adirondack, la cui base grigia meglio si confonde con un ambiente roccioso. Tutto il componente è realizzato in fibra di carbonio rinforzata.

Kimber_84M_Mountain_Subalpine

Il test

L’arma che abbiamo provato ha dimostrato ottime doti di precisione. Le prestazioni migliori sono state ottenute con palle monolitiche (Ttsx di Barnes) che proprio per la particolare procedura produttiva – sono tornite – permettono generalmente di ottenere il meglio da ogni arma. Ogni serie di tiro da tre colpi, cui seguiva un adeguato raffreddamento, ha evidenziato una medesima dinamica, con i primi due colpi tra loro adiacenti e il terzo spostato di circa un centimetro. Un fenomeno sicuramente associato alla migrazione termica prodotta dal rapido surriscaldamento della canna, estremamente sottile. Va osservato come questo non abbia alcun rilievo nella pratica venatoria: anche in queste condizioni, con il munizionamento adeguato la carabina è infatti riuscita a produrre raggruppamenti compresi tra meno di mezzo moa e i due terzi di moa, migliorando il rendimento rispetto a un allestimento Hunter nello stesso calibro provato precedentemente.

Kimber_84M_Mountain_Subalpine

Nonostante la leggerezza, la Kimber 84M Mountain Subalpine smaltisce egregiamente il rinculo anche in assenza di freno di bocca. Eccellente lo scatto per costanza e fattura: presenta un buon appoggio e sgancia il percussore in maniera netta, senza frizioni o difetti che potrebbero inficiarne la prevedibilità. Chi cerca un’arma leggera e compatta potrà prendere in considerazione questo allestimento Kimber senza timore di sbagliare.

Tutti i dettagli del test saranno pubblicati su Caccia Magazine di febbraio 2021.

La scheda tecnica della Kimber 84M Mountain Subalpine

Produttore: Kimber
Modello: 84M Mountain Subalpine
Tipo: carabina bolt action
Calibro: .308 Winchester
Lunghezza canna: 560 mm
Lunghezza totale: 1.050 mm
Organi di mira: assenti
Caricatore: interno da 4 colpi
Sicure: 3 posizioni
Materiali: acciaio inossidabile, carbonio rinforzato
Finiture: satinatura, pattern Gore Optifade SubAlpine
Peso: 2.182 g
Prezzo: 2.756 euro
Sito produttore
Distributore: Paganini

Su Caccia Magazine, rivista e portale, trovi tutte le ultime novità su Kimber e le armi a canna rigata.