Cartouches Sologne Klassic, il test

Cartouches Sologne Klassic, il test

Cartouches Sologne è un’azienda francese specializzata nelle produzione di munizioni da caccia, tiro e difesa. È presente sul mercato da una ventina d’anni e in Italia è rappresentata da Bignami che, per suo tramite, soddisfa una platea decisamente esigente; quella dei cacciatori africani e degli appassionati di realizzazioni semi-artigianali.

Caratteristica del munizionamento Sologne è quella di assemblare i migliori componenti disponibili e proporli in allestimenti ipertrofici o desueti, come per esempio quelli dei tanti calibri europei che oggi rischiano l’oblio. Ne sono testimonianza i vari 5,6 e 6,5 mm tradizionali oltre alla gamma pressoché completa dei calibri 8 e 9 mm. Allestimenti spesso trascurati dall’offerta industriale che, come tale, è focalizzata su ciò che si vende con maggior facilità.

Caccia e tiro

Nell’ampio catalogo di Sologne figurano nove linee di cui ci interessano quelle a destinazione venatoria: Gpa, Africa e Klassic, quest’ultima declinata nelle varianti Subsonique, Weatherby destinata agli omonimi calibri, e Degol. Gpa è l’acronimo di Grande puissance d’arrêt che identifica un’ogiva atossica a frammentazione contraddistinta da un elevato potere d’arresto. Si tratta di un proiettile sviluppato in proprio dal produttore francese e venduto anche sfuso in confezioni da 50 pezzi. Africa è invece la gamma di proiettili monolitici destinati alle cacce esotiche, offerti in una gamma di caricamenti sufficientemente ampia da coprire tutte le più comuni esigenze tra gli estremi del 9,3×64 e il .505 Gibbs; monta palle proprietarie Gpa Solid e le specialistiche di Woodleight e Hornady.

La linea più popolata è quella denominata Cartouches Sologne Klassic, offerta da catalogo in una settantina di caricamenti tra il .222 Remington e il .450 Marlin e attualmente a magazzino dell’importatore in oltre 40 calibri. La gamma propone una scelta d’ogive d’impostazione classica; si spazia tra le più rinomate Nosler (Ballistic tip, Partition e Accubond), Barnes (Tsx), Hornady (Sst, Rn, Sp, Btsp, Fp), Sierra (Gameking e Pro hunter) e Speer, tutte di produzione americana. Nel caso del caricamento utilizzato in questa prova, il .30-06 Springfield, Sologne propone tre allestimenti da 180 grani (Ballistic tip e Partition di Nosler, Barnes Tsx) e uno ulteriore da 220 grani (Sierra Pro hunter). Quattro pesi massimi, in definitiva, indicativi delle scelte che ispirano i tecnici balistici cui l’azienda ha dato fiducia.

Scelte di sicuro affidamento

Ho scritto di una tecnica produttiva semi-artigianale, confermata dalla selezione dei componenti che costituiscono la cartuccia (bossolo, innesco, polvere, ogiva) ed esaltata dai controlli di qualità attuati, che includono la verifica dimensionale e di massa di ogni cartuccia Sologne. Nel caso in esame fa bella mostra di sé un bossolo Lapua, notoriamente tra i più apprezzati dal mercato.

La palla è la ben conosciuta Ballistic tip di Nosler, una boat tail d’impostazione tradizionale con nucleo in piombo che ha una larga diffusione tra i cacciatori. Il disegno prevede un puntalino polimerico (il colore è identificativo del calibro) e una camiciatura rastremata (non bonded) particolarmente spessa alla base (solid base) per evitare deformazioni del proiettile a seguito delle temperature e delle pressioni che si sviluppano in canna.

Il tip apicale ha la doppia funzione di proteggere l’ogiva quando è contenuta nel caricatore e di iniziatore del fenomeno espansivo, che si rivela estremamente rapido e violento dai dati forniti dal costruttore e dall’osservazione empirica; Nosler parla di una ritenzione pari al 50-60% della massa complessiva che indica un trasferimento quasi rabbioso di energia sul selvatico e un potere d’arresto decisamente elevato. Il colore del puntale, verde nella cartuccia in test così come in tutti i calibri .30”, varia dall’arancio del .22 al viola dei 6 mm, al rosso dei vari 7 mm.

Velocità contro energia cinetica

Va segnalato che la scelta del caricamento Ballistic tip è comune anche all’altro grande interprete del diametro da .30”, il .308 Winchester. Curiosamente, però, per il più moderno calibro di derivazione militare Sologne ha optato per propellenti più vivaci che spingono la palla a velocità superiori nel caso del caricamento da 180 grani (830 contro 800 m/s dichiarati) e per una palla da 150 grani che arriva agli 860 m/s. Molto più ampia è la scelta nel .300 Winchester Magnum, che conta ben otto proposte tra i 130 e i 220 grani.

In poligono la Cartouches Sologne Klassic con palla Ballistic tip si è dimostrata molto equilibrata, con un rinculo moderato nonostante la leggerezza della carabina Cz utilizzata. La rosata, contenuta nel Moa, è adeguata a un’arma a destinazione venatoria ed è certamente influenzata dalla precisione intrinseca della stessa.

Scheda tecnica della Cartouches Sologne Klassic

Produttore: Cartouches Sologne
Modello: Klassic
Calibro: .30-06 Springfield
Palla: Nosler Ballistic Tip
Peso palla: 180 grani
V0: 800 m/s
E0: 3.733 Joule
V100: 742 m/s
E100: .211 Joule
V200: 687 m/s
E200: 2.753 Joule
Prezzo indicativo: 75,00 euro (confezioni da 20 cartucce)
Sito produttore
Distributore: Bignami

I dati rilevati

V0 rilevata: 741 m/s
Deviazione standard: 5,0
E0 effettiva: 3.143 J
Polvere: 49,6 grani
Palla: 180,3 grani
Bossolo innescato: 196,7 grani
Oal: 82,0 mm
Rosata: 26 mm

Su Caccia Magazine trovi tutte le novità sul munizionamento per la caccia a palla.