Caccia nelle Aree Natura 2000 sospesa dal Tar della Calabria

Caccia nelle Aree Natura 2000: cacciatore inserisce cartuccia nel fucile
© Mountains Hunter / shutterstock

Il Tar della Calabria ha accolto il ricorso di Wwf e Lipu e ha sospeso la caccia nelle Aree Natura 2000.

L’ordinanza non riguarda solo moriglione e pavoncella, niente prelievo, e il recupero delle giornate di preapertura: dopo la sentenza sullo scorso calendario venatorio, il Tar della Calabria interviene anche su questa stagione e sospende la caccia nelle Aree Natura 2000. Per consentirla infatti la giunta avrebbe dovuto sottoporre il calendario alla valutazione d’incidenza. È vero che è un’ordinanza cautelare, ma se niente cambia resterà in vigore un bel po’: l’udienza pubblica è fissata infatti al 24 marzo 2021.

Il coordinamento delle associazioni venatorie regionali (Federcaccia, Libera Caccia, Anuu, Arcicaccia, Eps, Enalcaccia, Italcaccia) si è già messo a disposizione della giunta, proponendo “alcune soluzioni e un percorso” che consentano “il rapido ed efficace ripristino” della caccia nelle Zone di protezione speciale e nei Siti d’importanza comunitaria. L’auspicio è che la Regione si muova rapida, così che la stagione sia solo minimamente intaccata.

Scopri le ultime news sul mondo venatorio, i test di ottichearmi e munizioni e i contenuti di Caccia Magazine ottobre 2020, già in edicola. E non perdere tutti gli approfondimenti sui temi più interessanti: Caccia Magazine sul web è ricco di novità.